Studiare inglese a Philadelphia – La #kaplanexperience raccontata dalla nostra insegnante Cristiana

Questa settimana abbiamo una #KAPLANFRIENDS d’eccezione: Cristiana, insegnante di inglese nella nostra scuola di inglese di Philadelphia! Grazie a lei abbiamo avuto la possibilità di vivere la #KAPLANEXPERIENCE con gli occhi di un insegnante… Ecco cosa ci ha raccontato!

“Hello everyone! Ciao a tutti! Mi chiamo Cristiana, ho 31 anni e sono un'insegnante di inglese presso la scuola Kaplan International di Philadelphia. Questo è il secondo anno che insegno qui ai ragazzi che partono dal livello Elementare. È un'esperienza fantastica e sono molto contenta di lavorare qui. 

Sono nata a Philadelphia, ma la mia famiglia è abruzzese, di Pescara. Sono dunque italo-americana e bilingue. Amo viaggiare e oltre ad aver vissuto divisa tra l'Italia e gli Stati Uniti da quando ero bambina, ho anche avuto la fortuna di visitare altri paesi europei e non, come la Francia, la Spagna, il Regno Unito, l'Austria, il Messico. Mi piace molto leggere. Il mio libro preferito è il Grande Gatsby di F. Scott Fitzgerald e amo tradurre e insegnare.

Seguendo gli spostamenti dei miei genitori, da bambina ho frequentato scuole sia in Italia che negli Stati Uniti. Ho poi deciso di frequentare l’università in Italia, dove ho conseguito una laurea triennale in Mediazione Linguistica e Comunicazione Interculturale presso l'università G. d'Annunzio di Pescara (Novembre 2009), seguita da una Laurea Magistrale in Scienze Linguistiche, Letterarie e della Traduzione alla Sapienza, università di Roma (Luglio 2014). Durante i miei studi universitari ho approfondito temi quali il multiculturalismo, la mediazione culturale, l'apprendimento di una seconda lingua e il bilinguismo, e questo mi aiuta molto nel mio lavoro. Ogni giorno, mi trovo a insegnare in una classe con studenti provenienti da tutte le parti del mondo e se non avessi gli strumenti teorici dai quali partire sarebbe molto difficile per me impostare una lezione efficace ed essere capita da tutti.

Crescere bilingue mi ha spinto a voler diventare un’insegnante di inglese per stranieri, perché fin da piccola ho imparato a percepire la realtà in due modi diversi. È, infatti, molto importante capire che la cultura nella quale si è cresciuti è solo una lente attraverso la quale si guarda il mondo. Imparare una nuova lingua è come comprare un nuovo paio di occhiali. Significa cambiare prospettiva, osservare il mondo attraverso altre lenti. Inoltre, crescendo mi sono trovata spesso a essere corretta sia per il mio italiano sia per l'inglese e questo mi aiuta a identificarmi con i miei studenti, a capire quanto sia difficile imparare una seconda lingua e a sapere applicare le tecniche migliori per aiutarli. Credo, infatti, che sia fondamentale offrire loro sostegno e non essere troppo severi!

Ho cominciato a insegnare inglese quando ero una studentessa universitaria e prima di lavorare con Kaplan International, ho tenuto lezioni di inglese individuali e per piccoli gruppi in diverse scuole, sia in Italia che qui a Philadelphia. A differenza delle altre scuole, dove in classe gli studenti parlavano la stessa lingua, qui da Kaplan mi sono trovata per la prima volta ad avere di fronte una classe di studenti internazionali, provenienti da paesi quali Brasile, Perù, Venezuela, Argentina, Colombia, Arabia Saudita, Turchia, Corea, Cina, Giappone, Russia, Spagna, Italia e tanti altri. Potete immaginare che sfida, ma grazie ai miei studenti ho la possibilità di entrare in contatto con culture e modi di pensare diversi. In classe avviene uno scambio continuo di idee e informazioni.

Penso che il bello delle scuole di inglese Kaplan sia proprio questo: non sono delle semplici scuole di inglese ma un posto dove imparando l'inglese si mettono in pratica alcuni dei vantaggi legati al parlare questa lingua, primo fra tutti il poter comunicare con persone provenienti da tutto il mondo e arricchire il proprio bagaglio culturale grazie a loro.

 

Team Kaplan

 

Inoltre ritengo che studiare inglese all’estero sia più efficace di qualsiasi altro corso. Avendo insegnato inglese sia in Italia che negli Stati Uniti, ho avuto modo di vedere la differenza di risultato. Trovo che studiare inglese in un paese anglofono sia molto più stimolante per lo studente, perché l'inglese diventa uno strumento di sopravvivenza, necessario per le piccole attività quotidiane: dall'ordinare un caffè da Starbucks al comprare un biglietto per entrare al museo. In Italia l'inglese resta purtroppo soltanto un codice confinato all'interno della classe, in attesa di occasioni per essere utilizzato. Studiando negli USA, si ha la possibilità di mettersi alla prova tutti i giorni, testando il proprio livello di partenza e osservando i progressi fatti, perché è possibile utilizzare la lingua tutti i giorni. In più, studiare una nuova lingua vuol dire studiare la cultura a essa legata, e studiando inglese all'estero permette di entrare in contatto con usanze e tradizioni che difficilmente si potrebbero conoscere restando nel proprio paese d'origine.

Nello specifico, per quanto riguarda il metodo d’insegnamento Kaplan penso che i punti di forza siano tre:

- L’uso della tecnologia in classe.

- Il dare importanza e sviluppare in modo bilanciato tutte e quattro le abilità linguistiche: ascoltare, parlare, leggere e scrivere.

- Le attività pomeridiane, quali i K+clubs e le gite per la città

Questi tre punti di forza si combinano perfettamente tra di loro e il risultato è che lo studente può applicare ciò che impara in classe durante le attività pomeridiane e la sua permanenza qui negli Stati Uniti. E a proposito della tecnologia devo ammettere che senza la lavagna elettronica sarebbe difficile fornire agli studenti la quantità di stimoli audio-visivi ai quali li sottopongo ogni giorno. Ritengo, infatti, che l’ascolto e la visualizzazione di immagini siano molto importanti per costruire il proprio vocabolario, specialmente per coloro che partono da una conoscenza elementare della lingua.

La cosa che più mi piace fare è portare i miei studenti in giro per Philadelphia per le attività pomeridiane, in questo modo hanno la possibilità di fare amicizia, esercitarsi nel parlare e visitare questa bellissima città. Philadelphia è ricca di attrazioni e di storia, ed è la sesta città più popolosa degli Stati Uniti. Qui sono state firmate la Dichiarazione di Indipendenza e la Costituzione degli Stati Uniti, è la città di Rocky Balboa e del 'Brotherly Love' e degli Eagles, che hanno vinto il Super Bowl quest'anno! Go Birds! Tra i posti che preferisco visitare con gli studenti ci sono : l'Indipendence Hall e la Liberty Bell, luoghi storici per gli eventi legati alla Rivoluzione Americana; il One liberty Observation Deck che è un posto molto suggestivo che gli studenti amano. Si trova al 57esimo piano di un grattacielo in centro città, dal quale si può osservare tutta Philadelphia e scattare foto meravigliose.

Mi piace molto portare i miei studenti all'Art Museum, dove c'è la famosissima scalinata di Rocky, da fare tutta di corsa per poi esultare quando si è in cima; e al Reading Teminal Market, un mercato coperto dove trovare specialità tipiche di Philadelphia come la cheesesteak e i pretzels, o mangiare cibi etnici. Da non dimenticare i Philadelphia Magic Gardens, un intricato labirinto di mosaici a vetro colorato dove fare foto.

 

Infine, a tutti coloro che si stanno preparando a partire per un soggiorno studio all’estero consiglio di partire con tanta voglia di imparare, di divertirsi e di fare amicizia! Di ascoltare l'insegnante in classe, fare domande, studiare e svolgere i compiti assegnati, di uscire dalla classe e fare amicizia e parlare quanto più possibile con altri studenti Kaplan. Di non avere paura di parlare e di fare errori.

E’ soltanto così che si può imparare una nuova lingua.

Le scuole di inglese Kaplan sono un luogo speciale anche per noi insegnanti! Qui ho stretto amicizia con gli altri insegnanti che hanno più esperienza di me e che mi spronano a fare del mio meglio ogni giorno. È un posto dove le ragazze alla reception ti salutano con il sorriso tutti i giorni e dalle quali non sai mai cosa aspettarti… un giorno le troverai vestite da zombie per Halloween e magari il giorno dopo saranno lì con indosso il pigiama per festeggiare il pajama day. Insomma non ci si annoia mai.

Kaplan è un posto dove la tua classe è una piccola famiglia che vuole imparare a comunicare. Ed è proprio l’essere parte di tutto questo che mi rende felice e fiera! 

Scaricate gratuitamente la brochure per maggiori informazioni sui nostri corsi e le nostre destinazioni!

Teilen
Ähnliche Beiträge