Hai anche tu il gene della Wanderlust?!

Se vi piace viaggiare e bazzicate per siti come il nostro sicuramente conoscete già questa parola, diventatata quasi di tendenza per indicare un desiderio antico di millenni. Un desiderio che oggi ha sicuramente sfaccettature nuove e molto più eccitanti, anche grazie alle tecnologie.
Stiamo parlando della Wanderlust ovvero the wish to travel far away and to many different places così come il nostro dizionario preferito, il Cambridge Dictionary, suggerisce. Il termine potrebbe sembrare un inglesismo, in realtà si tratta di una parola di origine tedesca che significa letteralmente desiderio di viaggiare, composta da wander, ovvero camminare/girovagare, e lust, cioé desiderio.

Se anche tu sei posseduto da questo desiderio di scoperta, scopri di più sulle nostre scuole di inglese e trascorri una soggiorno studio in una delle oltre 45 destinazioni Kaplan. L'inglese è sempre più lingua franca ed un vero passaporto per la scoperta del mondo.

Il desiderio di scoperta accompagna l’uomo da secoli e a partire dal Romanticismo la figura del viandante ha assunto fama mondiale ispirando i viaggi di molti. Fin da allora chi viaggia scopre nuovi luoghi, conosce nuove culture ma è anche un avventuriero dello spirito, un essere che va alla ricerca di sé stesso attraverso nuove esperienze.

Explore, Dream, Discover - Mark Twain quote

Se anche tu non riesci a frenare questa curiosità di scoperta e non vedi l’ora di mettere il prossimo timbro nel passaporto, beh allora questo amore per i viaggi potrebbe essere addirittura essere ricollegato a un gene nel tuo DNA.
Secondo recenti scoperte la voglia perenne di viaggiare si può ricollegare a un derivato genetico del gene DRD4-7R, che è associato ai livelli di dopamina nel cervello. Questo gene rinominato appunto il gene della Wanderlust, grazie alla sua correlazione con grandi livelli di curiosità e irrequietezza non è presente in tutti: solo il 20% della popolazione ce l'ha ed è più comune nelle regioni in cui il passato e la storia hanno spinto i popoli a migrare. Perciò anche popoli moderni che hanno affrontato o affrontano una storia di spostamenti e trasferimenti nel tempo sono più propensi a manifestare questo gene.

Alcuni parlano perfino di sindrome della wanderlust, che si presenterebbe in vari sintomi: se ti emozioni per l’ultimo racconto o galleria di immagini del viaggio di un amico, se i preferiti sul tuo computer sono quasi esclusivamente siti per la ricerca dell’ultima offerta o blog di viaggi, se in libreria finisci sempre nella sezione dedicata ai viaggi, e se più pericolosamente il desiderio di cambiare lavoro e Paese è tale da impedirti di mantenere un posto fisso beh allora potresti considerare di avere questo gene.

Pronto per la prossima avventura? Richiedi un preventivo gratuito ad una dei nostri consulenti per studiare in una delle 45 scuole di inglese Kaplan nel mondo.

 

Banner BD

Più
viaggio
Condividi ora