Gap Year: i benefici di un periodo sabbatico all’estero

Se fino a pochi anni fa, scegliere di prendersi un anno sabbatico da studio o lavoro era vista come una decisione alquanto bizzarra, oggi il fenomeno del Gap Year è in forte crescita, complice l’instabilità del mercato del lavoro e la necessità di saper parlare in modo fluente in inglese.

Sempre più giovani nella fascia d’età 19-25 decidono di intraprendere quest'avventura. La conferma arriva dai dati sugli studenti che hanno frequentato un corso di inglese all’estero Kaplan per almeno un semestre e dai quali si evince che il 66% sono appunto in questa fascia di età, mentre il 25% nella fascia 26-30.

Se pianificato nel modo giusto, l’anno sabbatico è un’esperienza in grado di arricchire a livello personale e professionale, in quanto permette di diventare fluenti nella lingua, ma soprattutto di acquisire capacità e conoscenze, professionali e sociali, fondamentali per affrontare con molta più determinazione e sicurezza l’università o la ricerca di un nuovo lavoro.

 

Quali sono i benefici di un Gap Year?

test

 

1. Ci si adatta al cambiamento in modo naturale. Vivere in un altro Paese, lontano dalle abitudini giornaliere, implica la necessità di cambiare e adattarsi al nuovo contesto. La spesa al supermercato diventa una caccia al tesoro, ci si abitua a gusti, odori e usi diversi dai propri.  La propensione all'adattamento è una delle competenze richieste dalle aziende!

2. Si intraprendono le scelte con una visione internazionale. Proprio così, vivere per un periodo lungo all'estero apre la mente e le scelte future vengono intraprese con un'apertura al mondo, soprattutto nella ricerca di lavoro. L’esperienza fa acquisire sicurezza e si ritorna consapevoli di poter ripartire in qualsiasi momento, insomma la valigia è sempre pronta per fare altre esperienze.

3. Si diventa fluenti nella lingua e si sviluppano le proprie capacità di comunicazione. Approfittare del Gap Year per fare un corso di inglese di lunga durata permette di ritornare con alcune importanti competenze richieste dalle aziende internazionali: la capacità di comunicare in un ambiente multiculturale e fluentemente in inglese. Tutto è perfettamente “certificabile” con l’anno sabbatico!

Gap Year-Friends

4. Si entra a far parte di un team, anzi di una vera squadra internazionale. All’estero si incontrano nuovi amici provenienti da tutto il mondo e si fa facilmente gruppo. Si diventa un team, ci si aiuta a vicenda e ci si lancia in avventure e in veri progetti. Si diventa proattivi, si uniscono le idee, si raggiungono risultati impensabili. Proprio come vogliono le aziende!

5. Si ritorna consapevoli del proprio futuro. Sarà grazie alla combinazione tra l’esperienza vissuta, le competenze acquisite e le idee più chiare, al rientro dal Gap Year si è consapevoli sul successivo passo da fare. Scegliere il corso magistrale, master o a quale posizione lavorativa candidarsi sarà semplice come ripartire!

Se stai valutando di partire per un Gap Year all’estero? Visita la pagina sui programmi di lunga durata offerti da Kaplan.

Condividi ora 
Articoli Correlati